Memorie GDDR6 in arrivo con le GPU di prossima generazione

Sarà quello GDDR6 lo standard adottato per le memorie delle schede video di prossima generazione basate su GPU NVIDIA: bandwidth sempre più elevata, a parità di tensione

Ci sono molte attese circa il lancio ufficiale delle nuove schede video NVIDIA di prossima generazione, destinate a sostituire la gamma GeForce GTX 1000 attualmente offerta sul mercato. In precedenti occasioni abbiamo riportato le indiscrezioni apparse online, rimarcando come a nostro avviso il debutto di queste soluzioni avverrà nel corso del mese di agosto e non prima.

Una delle novità che vedremo abbinate alle GPU di prossima generazione riguarda il comparto memoria: si passerà ai moduli GDDR6, evoluzione di quelli GDDR5 al momento attuale in commercio e capaci di offrire una bandwidth massima superiore grazie ad un incremento della frequenza di clock.

Non sappiamo se le memorie GDDR6 verranno da subito adottate su tutta la gamma o inizialmente limitate alle sole proposte top di gamma; quest’ultimo scenario è quanto si è verificato con le memorie GDDR5X in precedenza, utilizzate quale alternativa più veloce alle soluzioni GDDR5 per alcuni prodotti.

SK Hynix è il produttore che dovrebbe fornire i moduli GDDR6: al momento attuale l’azienda elenca soluzioni da 8 Gbit di capacità con velocità sino a 14 Gbps a 1.35V di tensione e sono a 12 Gbps con tensione più contenuta di 1.25V, ma sulla carta ci si può spingere sino a 16 Gbps con questa tecnologia di memoria. A titolo di confronto segnaliamo come la memoria GDDR5X operi quale massimo a 11 Gbps.

Una densità di 8 Gbps implica l’utilizzo di 8 moduli memoria per una capacità complessiva sulla scheda di 8 Gbytes di memoria video, servendosi di un bus da 256bit: per passare a 16 Gbytes è necessario, con questa architettura, raddoppiare i moduli memoria montandoli raddoppiati per ogni bus da 32bit e quindi incidendo in misura consistente sul costo complessivo di produzione della scheda.

Ci si attende l’utilizzo di memoria GDDR6 per le soluzioni video NVIDIA di nuova generazione, ma non è da escludere che AMD possa scegliere questo standard quale alternativa alle memorie HBM2, High Bandwidth Memory di seconda generazione, per alcune delle proprie soluzioni di prossima generazione. Vedremo nel corso della seconda metà dell’anno in quale direzione si sposterà il mercato di queste memorie ad elevate prestazioni.

di Paolo Corsini pubblicata il 24 Maggio 2018