SSD attesi in oltre la metà dei notebook in commercio nel 2018

Le variazioni di prezzo delle memorie alla base di una maggiore adozione nel 2018 di soluzioni
SSD all’interno dei notebook in commercio: più prestazioni e reattività per tutti

La contrazione nei prezzi delle soluzioni SSD porterà per la prima volta il mercato a vendere, nel corso del 2018, più del 50% dei notebook dotati di un SSD al posto di un tradizionale hard disk magnetico.

Questa informazione proviene dalle analisi sviluppate da DRAMeXchange ed è basata sul taglio nei prezzi delle soluzioni SSD con memorie 3D con 64/72 layer, praticati dai produttori di memorie a quelli dei sistemi PC OEM.

Il calo di prezzi atteso è compreso tra il 3% e il 5% per quanto riguarda le soluzioni basate su interfaccia SATA, con un 4%-6% per quelle con interfaccia PCI Express. Si tratta di variazioni interessanti considerando il tipo di prodotto, e questo aprirà spazio a più produttori di notebook per adottare di default soluzioni SSD nei propri prodotti.

Si tratta di un passaggio importante per l’intero settore dei dispositivi notebook, considerando l’impatto positivo in termini di superiori prestazioni e reattività complessiva del sistema nel momento in cui si adotta un SSD al posto di un tradizionale hard disk meccanico

fonte: hwupgrade.it – Paolo Corsini